Il baule della fantasia – Il fiore della gentilezza

Per chi vive in Italia scuole e asili sono ormai un lontano ricordo, ma qui in Germania sono appena iniziate le vacanze estive e quindi vi ragguaglio sulla mia ultima lettura Nati per Leggere di giugno e luglio.

Il tema, questa volta, è niente meno che la gentilezza. Mi sono resa conto che i bambini in età prescolare, a lezione di italiano (ma anche probabilmente a casa), usano appena “per favore” e “grazie” e quindi ho tirato fuori dalla libreria Per favore Signor Panda di Steve Antony (Zoolibri) e Apri la gabbia! di Silvia Borando e Lorenzo Clerici (minibombo).

(altro…)

Lista 30 x 30 – Tanti auguri a me!

Sì, oggi sono 30.

Quest’ultimo anno è stato molto difficile (e ancora lo è), pensavo avrebbe segnato la mia rinascita e invece sono ancora qui ad aspettare di vedere la luce fuori dal tunnel. In più, sono stata sommersa dallo studio e dal lavoro. Senza contare mio figlio, che ha bisogno di me più che mai.

Ergo, ho trascurato il blog e tutto ciò che gli ruota attorno, la mia lista 30 x 30 è andata a rilento e non ho organizzato nessuna festa per il mio trentesimo compleanno (però ho imparato a preparare la panna cotta, come da punto 26). Va bene così, va bene lo stesso.

Ho deciso che la mia lista 30 x 30 mi accompagnerà anche durante il mio trentesimo anno, che sarà sì quello della rinascita. Mi sembra, semplicemente, troppo bella per lasciarla a metà. Ho deciso di darmi tempo in tutti i sensi: rallenterò.

Vi ringrazio di cuore per l’affetto dimostratomi oggi.

LE ASSAGGIATRICI di Rosella Postorino

È uscito il nuovo numero di Magma, il magazine per gli italiani in Germania. Come sempre, vi racconto un libro: questa volta tocca al bellissimo Le assaggiatrici di Rosella Postorino.

Qui potete sfogliare l’intero numero di Magma gratuitamente in digitale, mentre per richiedere una copia cartacea potete scrivere a redazionemagma@gmail.com.

Nel diorama – Come salvarsi la vita e sopravvivere al panico del lettore senza libri

di Leonardo Niglia

Ora dirò una cosa banale, ma che è sempre bene tenere a mente. Leggere è come viaggiare, nel tempo e nello spazio. Ed è come avere la possibilità di vivere mille vite diverse senza muoversi dal divano, comprarsi un nuovo guardaroba o sbattersi tanto in palestra o con la dieta. Nulla mi vieta di immedesimarmi in d’Artagnan. Anche se resto sul divano a sgranocchiare patatine e trangugiare Coca Cola e se a malapena so reggere in mano un coltello da portata. Detto questo, la cosa che più spaventa il lettore accanito è ritrovarsi senza un libro da leggere.

(altro…)