PENTIRSI DI ESSERE MADRI di Orna Donath

Orna Donath è una giovane sociologa israeliana che, nei suoi studi, ha affrontato in particolar modo il rapporto tra la società e le madri. In questo suo saggio Pentirsi di essere madri racconta le storie di alcune donne “che tornerebbero indietro”.

Sociologia di un tabù, recita il sottotitolo: è innegabile che, nella nostra società, il sentimento del pentimento materno non abbia voce – e non si vuole nemmeno che la abbia, considerando i dibattiti che la pubblicazione di questo studio ha acceso in tutto il mondo.

(altro…)

L’AFFARE VIVALDI di Federico Maria Sardelli

L’affare Vivaldi di Federico Maria Sardelli è un romanzo eccezionale e sorprendente.

Sardelli, uno dei massimi esperti di Antonio Vivaldi, ricostruisce in questo suo esordio da narratore – con dovizia documentaria e grandissima ironia – le vicissitudini dei manoscritti del compositore delle Quattro Stagioni.

Una storia che, per quanto possa sembrare invenzione narrativa, “è davvero andata così”, come ribadisce lo stesso autore nella sua nota.

(altro…)

VATER UND SOHN di E.O. Plauen

Topolino ai tempi del nazismo

di Matteo Mastragostino

Quando nel 1934 il Berliner Illustrirten Zeitung indisse un concorso per “un’idea simile a Topolino”, Erich Ohser presentò il suo progetto.

Ohser aveva trent’anni ed era un disegnatore satirico che ormai da anni non riusciva più a lavorare. A causa della sua chiara opposizione al nazismo gli venne negata l’iscrizione alla Reichspressekammer, la camera della stampa del Reich, e quindi il permesso di continuare la sua carriera.

(altro…)

Sie breve e arguto ~ Giorno della Memoria

Quest´anno, per il Giorno della Memoria, ho pensato di presentarvi tre libri recenti, di tre generi diversi (un graphic novel, una raccolta di racconti e un romanzo).

È vero, la letteratura sulla Shoah è già abbastanza nutrita, ma trovo bello e significativo  che ci siano giovani autori che ancora si confrontano, offrendo una nuova voce e una nuova prospettiva, con un tema così complesso e terribile. (Ed è tanto più bello e significativo di questi tempi, in cui purtroppo non è raro trovare chi la memoria, invece, ce l´ha corta.)

(altro…)